L’influencer marketing è descritta da Lee Oden, CEO di Top Rank, come “la pratica di coinvolgere esperti di settore con network attivi che aiutino ad acquisire obbiettivi aziendali prefissati.” Con il tempo, l’influencer marketing è diventato una delle strategie utilizzate dai brand per entrare in diretto contatto con i propri clienti, specialmente adesso che le pubblicità online sono efficaci solo al 47% per via dell’uso sempre più diffuso di ad block, secondo Digital News Report. Per di più uno studio recente dimostra che “l’84% dei marketers avrebbero dichiarato di voler lanciare almeno una campagna influencer nei prossimi dodici mesi.” È abbastanza chiaro che nel 2017 i brand dovranno scostarsi dai metodi tradizionali di marketing online ed avvicinarsi sempre più verso l’influencer marketing – tuttavia, cerchiamo di vedere le cose dalla prospettiva di un influencer o di un potenziale influencer. Come puoi monitorare la tua influenza online? Abbiamo giusto quello di cui potresti aver bisogno.

Alla fine del mese di Febbraio, il nostro direttore marketing Dixon Jones ha chiesto ai suoi amici su Facebook di partecipare al nostro esperimento influencer e molti hanno aderito. In questo post prendiamo in esame la campagna su Ann Smarty e paragoneremo le metriche di flusso del suo blog, assieme al suo account twitter, a confronto con quelle di altri influencer dello stesso segmento di mercato. Prima di tutto, analizziamo il suo blog nel Site Explorer per scoprirne le metriche di flusso e quali siti-web lo hanno linkato.

Come si vede dalla screenshot, il blog di Ann ha un Trust Flow piuttosto buono e non è una sorpresa che la categoria dove presenta il maggior Topical Trust Flow è “Computer”. Spostiamoci ora sulla sezione dei referring domain del Site Explorer che risponde alla domanda, da dove provengono i link di Ann?


Come si può vedere, il blog di Ann ha molti link in arrivo da entrepreneur.com che tutti riconosciamo essere un importante hub di influencer. Uno dei migliori modi per incrementare la propria influenza online è fare del guest blogging su blog autorevoli del tuo stesso settore. Nel caso di Ann siti di questo genere sono entrepreneur.com, searchjournal.com ecc.

Ora che abbiamo analizzato il blog post di Ann, vediamo ora come si confronta con altri suoi peer in questa  Campagna!

Come dimostrato sopra, il Trust Flow di Ann non è forte quanto gli altri presenti in lista, tuttavia è seconda classificata nella lista per backlink e terza per referring domain.

Ora sappiamo come Ann tiene il passo rispetto agli altri online influencer, ma sarebbe interessante sapere se ha link condivisi con altri influencer. Per questo possiamo usare il Clique Hunter.

Il grafico del Clique Hunter mostra i link condivisi con altri influencer. Non ci stupisce come lei e il blog di Bryan Eisenberg siano protagonisti di questo grafico, in quanto sia correlato ai grafici dei referring domain e dei backlink.

Con tanti backlink e referring domain in arrivo verso il suo blog, possiamo dire con certezza che il suo blog gode di ottima salute. Nonostante ciò, l’influencer marketing non è solo una questione legato ai blog personali; dipende anche dalla presenza nei social media del personaggio in questione. Nella seconda parte di questo post, confrontiamo gli account Twitter di Ann contro gli altri influencer ed useremo BuzzSumo per vedere come i suoi contenuti siano distribuiti su varie piattaforme.

(Nota: Questa ricerca è stata svolta il 20 Marzo 2017, pertanto questi dati potrebbero non essere accurati il giorno che li vedrete)


THANK YOU!
If you have any questions in the meantime, please contact help@majestic.com
You have successfully registered for a Majestic Demo. A Customer Advisor will contact you shortly to schedule a suitable time to connect.